L’insegnamento esoterico del Carro nei Tarocchi

Condividi:

I Tarocchi, questo libro miracoloso, la fonte d’ispirazione di tutti i libri sacri dell’umanità, sono il più perfetto strumento di divinazione, da usare con totale fiducia per la precisione analogica di numeri e simboli. I responsi che se ne traggono sono sempre veritieri e anche quando non predicono nulla offrono sempre sagge direttive e nuove conoscenze.

Eliphas Levi

Tra gli Arcani Maggiori dei Tarocchi, il Carro è quello che meglio rappresenta la complessità dell’organizzazione interna ed esterna dell’essere umano.

Non è un caso che molti esoteristi abbiano fatto ricorso alla metafora orientale della carrozza trainata dai cavalli per rappresentare le innumerevoli forze che l’uomo deve soggiogare quando si muove sulla linea del proprio destino.

Di per sé queste forze (il corpo, gli istiniti, il caso) non gli sono ostili. Da parte sua l’uomo deve imparare a servirsene con maestria. Esattamente come fa il valoroso condottiero del Carro nei Tarocchi.

La rappresentazione del Carro nei Tarocchi

carro tarocchiIl settimo Arcano Maggiore dei Tarocchi illustra un condottiero coronato, che sta in piedi su un Carro cubico. Il Carro è coperto da un lussuoso baldacchino retto da quattro colonne.

Il condottiero regge con la mano destra uno scettro e indossa un’armatura le cui spalline rappresentano Urim e Thummim, due personaggi leggendari che cercavano la volontà di Dio attraverso un oracolo.

Il Carro è trainato da due focosi cavalli, che si muovono in due opposte direzioni e obbligano il condottiero a tenerli sotto controllo. In alcune varianti dei Tarocchi i cavalli sono rappresentati di colore diverso, di norma blu e rosso, mentre in altre hanmo le sembianze di due sfingi.

Il significato racchiuso nella rappresentazione del Carro nei Tarocchi

Il Carro è una chiara metafora delle correnti materiali che spingono l’uomo al compimento del proprio destino.

carro tarocchiI cavalli sono simbolo di angoscia e inquietudine e rappresentano ciò che nell’uomo è istinto e animalità. Essi si muovono in direzioni opposte e il condottiero deve essere abile a tenerli sotto controllo e guidarli con maestria. Del resto questi animali rappresentano anche la mescolanza di positivo e negativo e indicano che il progresso si ottiene attraverso la conciliazione degli opposti.

Il Carro, da parte sua, è “l’involucro” su cui il condottiero viaggia in direzione del suo destino. In questo senso può rappresentare la contingenza, che in questo modo viene sottratta al dominio della casualità. Secondo altre interpretazioni, il Carro rappresenterebbe il corpo umano o le correnti materiali che trasportano l’uomo verso il proprio destino.

Infine, il condottiero rappresenta l’Uomo che con la sua volontà sottomette le avversità e dirige il Carro verso la meta prestabilita.

Il significato divinatorio del Carro nei Tarocchi

Il condottiero ha un compito molto delicato. Egli deve essere abile a coordinare gli elementi di cui dispone per arrivare a compiere il proprio destino. I cavalli infatti sono irrequieti e si muovono in direzioni opposte. Eppure è solo grazie alla loro forza che il Carro può essere trainato.

Questa carta suggerisce il possibile compimento della grandezza attraverso il raggiungimento di uno stato di equilibrio tra il caso, le facoltà fisiche e quelle mentali.

Per approfondire: Il significato occulto della Luna nei Tarocchi

Condividi:

Rispondi