Dieci film che aprono il cuore e la mente

Condividi:

Un elenco di film per aprire la mente ed espandere la coscienza

In questo articolo potete trovare un’elenco di film che aprono il cuore e la mente. Si tratta di film che contengono un profondo messaggio iniziatico e che invitano lo spettatore ad allargare la propria coscienza. Non parleremo dunque di film direttamente legati al mondo dell’esoterismo, bensì di film che stimolano a riflettere sul senso della vita, sul valore delle proprie scelte e sulla coerenza delle proprie azioni… Tutti ingredienti indispensabili per intraprendere un percorso di ricerca interiore.

Prima di presentare i film, è necessario tuttavia fare una piccola premessa. Nonostante il tema della spiritualità sia oggi molto diffuso, sono rari i film che riescono a metterlo in scena con la sobrietà necessaria che si addice a questo genere di argomenti.

Per questa ragione, si è scelto di non includere nella lista i grandi classici dello spiritualismo contemporaneo, film che spesso sono intrisi di stereotipi e luoghi comuni sul mondo dell’esoterismo. Si è preferito indicare, invece, dei film in questo senso meno espliciti, che però riescono a trasmettere un profondo messaggio di consapevolezza.

Leggi anche: La storia infinita e il frutto della conoscenza del bene e del male

Dieci film che aprono il cuore e la mente

Per te, io non esisto ancora. Per me, tu non esisti più. Alla fine del tempo, quando la materia prende il cammino del ritorno al punto di origine, tu e io saremo stati solo ricordi, mai realtà. Qualcosa ci sta sognando. Abbraccia l’illusione! Vivi!

Alejandro Jodowsky anziano ad Alejandor Jodorowsky bambino

1. Pollo alle prugne

Pollo alle prugne è un film del 2011 scritto e diretto da Marjane Satrapi e Vincent Paronnaud. Il fim narra la storia di Nasser Ali, un giovane violinista che incontra la bella Irān e se ne innamora. Purtroppo i piani del padre di lei sono diversi, e Irān è costretta a sposarsi con un soldato. Si tratta di una storia intrisa di magia e poesia, che contiene una metafora affatto banale della ricerca della propria fonte d’ispirazione nella vita.

pollo alle prugne film che aprono il cuore

2. Primavera, estate, inverno, autunno e ancora primavera

Probabilmente tutta la filmografia di Kim-Ki-Duk è legata al mondo della spiritualità. Tuttavia Primavera, estate, inverno, autunno e ancora primavera è quello che probabilmente meglio rappresenta il tema dell’evoluzione interiore del protagonista. Il film racconta la vita di un monaco buddista attraverso le diverse stagioni della sua vita. E la conquista della saggezza arriverà soltanto verso la fine, nell’ultimo capitolo di questa incantevole storia.

3. L’isola

L’isola (Ostrov) è un film drammatico del 2006. Il regista Pavel Lungin dipinge con grande maestria la storia di redenzione del protagonista Anatolij, un giovane marinaio russo che per salvare la propria vita esegue l’ordine impartito da un ufficiale nazista di tradire e uccidere il compagno. Elemento centrale del film è il tema della sacra follia, leitmotiv di tutta la religiosità ortodossa russa.

4. La città incantata

La città incantata, a detta di molti, è il miglior film d’animazione che sia mai stato prodotto. In questo capolavoro di Hayao Miyazaki lo spirituale, il fantastico e il realistico si combinano alla perfezione. Il film racconta la storia di Chihiro, una ragazzina giapponese che rimane intrappolata nel mondo degli spiriti assieme ai genitori, i quali vengono trasformati in maiali dalla strega Yubaba. Tutto il film è centrato sul tentativo di Chihiro di riportare i genitori alla loro condizione umana e di ritornare assieme a loro nel mondo degli umani.

film che aprono il cuore e la mente

5. Il sapore della ciliegia

Film di Abbas Kiarostami, Il sapore della ciliegia è un capolavoro di rara forza. La grandezza di questo film nasce dalla capacità del regista di rappresentare la vita in modo autentico, senza ricorrere a una messa in scena edulcorata della realtà. Protagonista del film è il signor Badii, un uomo sulla cinquantina che ha deciso di uccidersi. Grazie all’incontro con un anziano signore il suicidio non arriva. Badii rimane così ad osservare se stesso per quello che poteva succedere e che invece non è successo.

6. Inside out

Diretto da Pete Docter, Inside Out è un bellissimo racconto di formazione. Inside Out è la storia di una ragazzina di undici anni, Riley, raccontata da un punto di vista molto particolare: quello delle sue emozioni. Dentro la testa di Riley saranno proprio le emozioni a dettare il cambio delle stagioni della vita e dare spazio al nuovo.

7. Il ragazzo invisibile

Il ragazzo invisibile è un film fantascientifico del 2014 diretto da Gabriele Salvatores. Il film racconta la storia di un adolescente che un giorno scopre di riuscire a diventare invisibile. Si tratta infatti di un film intriso di magia che in più occasioni induce lo spettatore a interrogarsi: Chi sono io? Di chi mi posso fidare? A chi devo dare ascolto? Quali sono i miei veri talenti? Come posso usarli in modo consapevole?

el topo jodorowsky

8. La danza della realtà

La danza della realtà è un film che combina magistralmente poesia, surrealismo e simbolismo. Non mancano gli eccessi tipici dello stile di Alejandro Jodorowsky, che però sono onorevolmente bilanciati dalla presenza di sequenze di rara bellezza. Attraverso questo film l’autore reimmagina la propria infanzia, conservando la verità dei personaggi ma trasponendo gli eventi in un universo poetico.

9. Ritual. Una storia psicomagica

Ritual è un omaggio all’opera e al pensiero di Alejandro Jodorowsky. In particolare, il film è centrato sul mondo della psicomagia, l’arte di guarire attraverso atti paradossali e simbolici. Il film mette in scena le vicende della fragile Lia, una ragazza divisa tra la possessività del suo compagno e la ricerca dell’equilibrio interiore.

10. Niente è come sembra

Tra i film di Franco Battiato Niente è come sembra è forse quello meglio riuscito. Il film, del 2007, illustra le vicende di un anziano professore di antropologia, che dopo essersi smarrito in un bosco viene accolto in una casa illuminata. Qui viene messo di fronte alla sua condizione di uomo prigioniero delle proprie passioni e dei propri pregiudizi. Il fatto che alcune scene possano sembrare una rappresentazione un po’ grossolana della dimensione spirituale della vita non deve trarre in inganno. Al contrario, questi elementi danno un tocco di surrealismo al film. Magistrale la scena in cui Alejandro Jodorowsky legge i tarocchi!

Leggi anche: L’iniziazione e il cammino della conoscenza

 

Condividi:

Lorenzo

Tuttologo per vocazione, avventuriero di fatto, creatore di grandi aspettative per necessità.

Rispondi