I quattro piani della realtà secondo la Cabala

Condividi:

Secondo la Cabala la realtà non si limita al mondo normalmente percepito dai cinque sensi. Al contrario, essa si estende su più piani che possono esercitare un’influenza l’uno sull’altro. Questa visione dell’universo ha evidentemente delle importanti implicazioni sulla concezione della natura umana. Così come esistono diversi piani della realtà, allo stesso modo l’uomo è costituito da più corpi che agiscono su ciascuno di questi piani.

cabala piani della realtà

I quattro mondi secondo la Cabala

Secondo la Cabala i piani dell’Essere sono quattro. Questi piani non sono disposti a strati, né tantomeno a sfere concentriche. Essi non sono separati, come si potrebbe immaginare, ma si compenetrano l’uno nell’altro. Questi mondi differiscono per la sostanza di cui sono fatti, per gli enti che li abitano e per le leggi che li governano. Fra di essi vige una gerarchia di rapporti e le azioni che si manifestano in un mondo possono avere effetti anche sugli altri mondi.

Per approfondire: I quattro principi fondamentali del pensiero magico

Qui di seguito riportiamo una breve descrizione di ciascuno di questi mondi procedendo dal piano divino al piano materico.

Atziluth

Atziluth secondo la Cabala è il mondo divino. Atziluth è sede degli archetipi e in una certa misura può essere paragonato al mondo delle idee platonico.

Briah

Briah è il mondo creativo. Esso è abitato dagli Arcangeli e da altre entità spirituali che fanno da mediatori tra il mondo divino e gli altri mondi. Nello specifico, essi trasformano la volontà divina in atti che hanno luogo nei piani inferiori.

Jesirah

Secondo la Cabala Jesirah è il mondo della formazione. Questo mondo si estende sul piano immediatamente superiore a quello materico ed è composta da una sostanza supersottile. Gli alchimisti la chiamavano Quintessenza. Questa sostanza da forma e qualità agli enti del mondo materico: Assiah.

Dal punto di vista dell’occultismo questa sostanza può essere plasmata dal pensiero con l’ausilio della volontà disciplinata. Per questa ragione, nella pratica della magiaJesirah è considerato il mondo più importante. Attraverso l’intervento sulla Quintessenza il mago può esercitare infatti un’influenza sulla materia, sulla propria consapevolezza e su quella altrui.

Assiah

Assiah, infine, è il mondo della materia. E’ proprio su questo piano che si dipana l’esistenza sensoriale degli uomini.

cabala corpi dell'essere umano

I corpi dell’essere umano

Come si accennava nell’introduzione a questo articolo, la visione cabalistica della realtà implica l’esistenza di più corpi dell’essere umano.

Ora, partendo dal basso, e dunque dal piano materico, l’uomo è costituito innanzitutto dal suo corpo fisico. Accanto al corpo fisico ne esiste anche uno eterico o sottile. Questo corpo, assieme a quello fisico, abita i piani inferiori e per gli spiritisti è assimilabile al fantasma che in certi casi permane dopo la morte fisica. In seguito, l’uomo è costituito da un corpo astrale, attraverso il quale può compiere peregrinazioni e fare i cosiddetti viaggi astrali. Sul piano successivo, si dipana il corpo mentale. Questo è il corpo che permette all’uomo di comunicare con gli angeli. Infine, l’uomo è costituito da un corpo spirituale, che tende spontaneamente verso il mondo divino.

Per approfondire: La visone magica dell’universo

Condividi:

Lorenzo

Tuttologo per vocazione, avventuriero di fatto, creatore di grandi aspettative per necessità.

Rispondi