La via eroico-magica e la tradizione iniziatica regale

Condividi:

Lo sviluppo storico delle forme di spiritualità ha conosciuto due opposti cammini: la via mistico-sacerdotale e la via eroico-magica

La nostra trattazione non sarà tale da convincere chi non vuol essere convinto.

J. Evola, La Tradizione Ermetica

La tradizione iniziatica regale – così la chiama Julius Evola – si distingue nettamente da altre forme di ricerca spirituale. Il carattere mistico e devozionale tipico di alcune religioni contemporanee le è del tutto estraneo. Essa segue piuttosto la via eroico-magica e il suo scopo principale è il raggiungimento da parte dell’uomo di uno status spirituale superiore.

stonehenge tradizione iniziatica regale

La via mistico-sacerdotale e la via eroico-magica nella mitologia

Nell’introduzione a La Tradizione ermetica, per spiegare la differenza tra le due vie, Julius Evola ricorre a un’interessantissima digressione sul mito. A questo proposito tutti sanno a quale destino va incontro colui che osa sfidare la divinità… Si pensi, ad esempio, al mito di Adamo ed Eva o a quello di Prometeo: in entrambi i casi il tentativo di entrare in contatto con la forza universale viene severamente punito. Si tratta del principio secondo cui chi muove verso la conoscenza, deve saper reggere il confronto con la sua grandezza, pena la condanna a eterne sofferenze.

Ora, a seconda del punto di vista, sono possibili due distinte interpretazioni della volontà di raggiungere la conoscenza e della caduta che fa seguito al tentativo di sfidare la divinità. Dal punto di vista della via mistico-sacerdotale, l’aspirazione a conoscere è una forma di tentazione, mentre la caduta durante l’impresa è la giusta punizione per un atto sacrilego. Invece, secondo la prospettiva della via eroico-magica, il frutto della conoscenza è l’oggetto di una possibile riconquista, mentre un’eventuale caduta si trasforma in sfortuna o assenza di audacia da parte dell’adepto… La tradizione iniziatica regale è su quest’ultimo punto di vista che fa affidamento.

Per approfondire: L’origine delle quattro arti esoteriche

tradizione iniziaticaLa tradizione iniziatica regale

Tra la nascita eterna, la reintegrazione e la scoperta della Pietra Filosofale, non v’è differenza alcuna.

J. Böhme, De Signatura Rerum

Storicamente, il nucleo delle dottrine riconducibili alla tradizione iniziatica regale si ricollega ai principi di quella filosofia perenne a cui pervengono molte scuole metafisiche. Scopo di tali dottrine è il raggiungimento da parte dell’uomo della conoscenza e di uno status spirituale superiore. In questo senso, le discipline in seno alla tradizione iniziatica regale pongono al proprio centro la volontà umana e si allontanano in modo deciso dalle forme misticheggianti e devozionali tipiche di alcune religioni. Inoltre, tali discipline si distinguono da altre forme di ricerca spirituale per il carattere esoterico, iniziatico ed eroico dei loro insegnamenti. Proviamo a soffermarci per un momento su ciascuna di queste tre caratteristiche.

  • Il carattere esoterico degli insegnamenti della tradizione iniziatica regale è riconducibile al fatto che tali insegnamenti hanno primariamente un carattere operativo e permettono l’accesso a facoltà che sono precluse all’uomo comune. Quest’ultimo semplicemente non ne capirebbe il significato e la portata. Per tale ragione il sapere iniziatico viene occultato attraverso un’esposizione per simboli e rimane accessibile ad una stretta cerchia di persone.
  • In secondo luogo, le dottrine riconducibili alla tradizione iniziatica regale, come suggerisce il nome stesso, hanno natura iniziatica. Questo carattere è dovuto al fatto che l’uomo, l’adepto, prima di avere accesso a determinate verità deve subire un mutamento della propria natura.
  • Infine, l’iniziato che si avvicini alle discipline della tradizione iniziatica regale deve possedere al massimo grado le qualità tipiche del guerriero. Il contatto con la grandezza divina richiede infatti una grande dose di eroismo.

Per approfondire: La Grande Opera e il linguaggio segreto degli alchimisti

Conclusioni

La natura iniziatica, esoterica ed eroica tipica della tradizione iniziatica regale induce a riflettere sulle forme degradate dello spiritualismo contemporaneo. Quest’ultima tendenza spaccia per virtù l’atteggiamento di accettazione e remissività rispetto alla vita, mascherandolo con le forme esteriori della non-resistenza tipica delle religioni orientali. Diversamente, gli insegnamenti riconducibili alla tradizione iniziatica regale invitano a cibarsi di quello che per Adamo ed Eva fu il frutto proibito della conoscenza… E istruiscono l’adepto sui modi in cui è possibile intraprendere una simile impresa.

Per approfondire: L’iniziazione e il cammino della conoscenza

Condividi:

Lorenzo

Tuttologo per vocazione, avventuriero di fatto, creatore di grandi aspettative per necessità.

Rispondi